Benefici riservati all’operatore economico certificato AEO

La certificazione di Operatore Economico Autorizzato (AEO), rilasciata dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, è una certificazione di qualità doganale e di sicurezza rilasciata da un’amministrazione dello Stato, valida in tutti gli Stati membri dell’Unione e riconosciuta in quasi tutti i Paesi del mondo.

L’AEO è uno strumento che dà accesso immediato alle principali autorizzazioni e semplificazioni doganali e si concretizza in due tipi di autorizzazione: 

a) operatore economico autorizzato per le semplificazioni doganali (AEOC), che consente al titolare di beneficiare di alcune semplificazioni previste dalla normativa doganale;

b) operatore economico autorizzato nel settore della sicurezza (AEOS), che conferisce al titolare il diritto di ottenere agevolazioni attinenti alla sicurezza. 

I due tipi di autorizzazione sono cumulabili (AEOF).

Le dogane autorizzano l'AEO ad avvalersi della semplificazione richiesta, non sottoponendo di nuovo ad 
esame i criteri già esaminati al momento della concessione della certificazione. Gli operatori certificati AEO  beneficiano poi di un trattamento più favorevole per quanto riguarda i controlli doganali: infatti, le merci da loro trattate vengono sottoposte in minor misura a controlli fisici e documentali rispetto a quelle trattate da altri operatori economici. Tale beneficio può arrivare fino al 90% di riduzione dei controlli. Gli AEOS (e gli AEOF) beneficiano anche del mutuo riconoscimento con le dogane dei Paesi  terzi che hanno sottoscritto accordi di reciprocità in materia di certificazione doganale, come già avvenuto con Stati Uniti, Giappone, Cina, Norvegia, Svizzera. 

Complessivamente, i benefici si possono distinguere in benefici generali ed ulteriori benefici connessi ai controlli doganali.

Benefici generali  per tipo di certificato AEOC AEOS AEOF: 
  • Più facile accesso alle semplificazioni doganali 
  • Facilitazioni per i controlli di sicurezza   
  • Possibilità di preavvertire l'operatore in caso di selezione per il controllo 
  • Riduzione della quantità di dati da fornire per la dichiarazione sommaria 

Ulteriori benefici connessi ai controlli doganali:
  • Minori controlli fisici e documentali 
  • Priorità di trattamento del carico, in caso di selezione per il controllo
  • Possibilità di scelta del luogo di effettuazione del controllo (soggetto ad accordo con la dogana) 
  • Mutuo riconoscimento  con  i Paesi  Terzi con cui è stato sottoscritto un accordo in materia di certificazione doganale 

L’AEO può, inoltre, godere di alcuni significativi vantaggi indiretti: codificazione delle procedure doganali in ambito aziendale, maggior controllo dei rischi aziendali, diminuzione di furti e perdite, minori ritardi nelle spedizioni commerciali, migliore pianificazione delle attività doganali, miglior servizio ai clienti, più efficiente gestione delle merci, minori incidenti legati alla sicurezza, riduzione dei costi di ispezione dei fornitori e miglior cooperazione con i partner, migliore sicurezza e comunicazione tra i partner della catena di approvvigionamento.

Ulteriori approfondimenti e notizie più circostanziate sulla certificazione AEO sono reperibili sia nel sito dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli sia nel sito della Commissione europea, Taxation and Customs Union.


Benefici dell’Esportatore autorizzato EA

Come noto, i prodotti di origine preferenziale unionale godono di un trattamento daziario agevolato nei paesi con cui l’Unione europea ha concluso accordi di libero scambio. Al fine di beneficiare delle esenzioni o riduzioni daziare, oltre al rispetto delle specifiche regole di origine contenute nell’accordo, è necessaria la presentazione di prove (tipicamente documentali) di tale origine preferenziale. La normativa doganale prevede un’importante semplificazione: gli operatori economici possono ottenere ilriconoscimento dello status di Esportatore  autorizzato (EA), che consente loro di rilasciare una dichiarazione di origine su fattura, senza limiti di valore, che permette di attestare l’origine preferenziale dei prodotti direttamente sulla documentazione commerciale o di trasporto che accompagna la merce come prova alternativa ad altri documenti attestanti l’origine ( EUR 1 e/o Euromed). Tale status è talora quasi indispensabile: la Corea del Sud, ad es., richiede che la prova di origine preferenziale dei  prodotti consista necessariamente nella dichiarazione su fattura (possibile, per cessioni di merci di valore superiore ai 6.000 euro, solo da parte di chi gode dello status di esportatore autorizzato), escludendo l’utilizzo di certificati EUR 1. 

Gli operatori interessati ad ottenere lo status di esportatore autorizzato devono presentare una istanza all'Ufficio delle Dogane territorialmente competente per il luogo in cui il richiedente ha la propria sede amministrativa.

Per ogni ulteriore informazione al riguardo ci si può rivolgere direttamente all’Ufficio doganale competente territorialmente, oppure visitare la pagina web dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, cliccando questo link: OPERATORE ECONOMICO AUTORIZZATO.